David Byrne intervista Il Gazzettino 1994

Milano
NOSTRO SERVIZIO
Ogni tanto, David Byrne, ex leader dei Talking Heads, da lui fondati nel 1975, si ricorda della musica. Esce oggi "David Byrne" (il cognome è scritto all'incontrario): dodici canzoni che la "biografia" definisce "tra le più intimiste e personali; che parlano di sesso, nudità, amore, violenza, morte, fuga, America, il mondo, la vita dopo la morte e la paura". Esce un video "live", "Between the teeth" ("Tra i denti"), registrato nel New Yersey nel corso dell'ultimo tour.
 Byrne suonerà al teatro Nazionale di Milano, il 3 giugno, mentre il 2 registrerà un intero show per il programma "Acoustica" di Videomusic. Con lui saranno Todd Turkisher alla batteria, Paul Socolow al basso e Mauro Fosco alle percussioni. E' curioso sul nuovo governo italiano: "E' un periodo di transizione; bisogna vedere come finirà".
"Questo nuovo album- spiega David, vestito di nero, capelli lunghi e viso riposato - è molto "fresco", grazie anche aila nuova band. Ho lavorato come se fosse il mio primo disco, e si pu| dire che inizi per me una nuova fase, con canzoni registrate con più energia e creatività". E la "sbornia" sudamericana di "Rei Momo"? "E' rimasto ancora molto, in alcune canzoni. Come produttore di dischi, lavoro ancora molto con Cuba, che continua a produrre molti talenti, non solo di musica etnica, ma anche di "heavy metal", per esempio, e di artisti che, come Carlos Varella, criticano il sistema apertamente. Il regime cubano è pi` vicino alla musica etnica, ma ora i problemi sono altri. La crisi impedisce ai dischi di uscire, perchè mancano le materie prime - vinile, carta e plastica - per produrli! Per il futuro, sto lavorando con artisti dell'area di Los Angeles e con una innovativa band di Okinawa".
 Byrne è un arista multimediale, che si interessa di cinema, sia come regista sia come autore di colonne sonore (ha vinto l'Oscar con "L'ultimo imperatore" di Bertolucci), ma anche di teatro e fotografia (vedi le belle foto della copertina firmate da Jean Baptiste Mondino). In questo disco, e nel video, c'è anche l'amichevole collaborazione di Jonathan Demme, regista del recente "Philadelphia". Conclude Byrne: "Ho conosciuto Mondino come regista di video pop, in Francia, anni fa, e mi sembrava perfetto per fotografare particolari del mio corpo... Ho visto "Philadelphia" e penso che la colonna sonora sia buona, ma non tutto. Con Demme non ho progetti. Non so nemmeno cosa farò io domani... Per il resto, è terribile invecchiare!".
Bruno Marzi