Festivalbar Andrea Salvetti intervista Il Gazzettino 1999

Milano

NOSTRO SERVIZIO

<Finchè vive il Festivalbar, vive Vittorio Salvetti>, annuncia il figlio Andrea, emozionato per essere seduto al posto di papà Vittorio, ma allo stesso tempo perfetto continuatore di una dinastia manageriale assolutamente unica, e non solo in Italia. Parte col botto la 36esima edizione del Festivalbar, il 2 giugno alle 20.45 su Italia Uno, ma sabato sera in Prato della Valle a Padova, con l'ingresso gratuito (<Il provveditorato di Padova teme le aule deserte già sabato mattina>) e un cast assolutamente di eccellenza. Tra l' altro, sarà l' ultima apparizione televisiva dei Litfiba con Piero Pelù (l' ultimo concerto sarà il 12 luglio a "Monza rock"); Gianni Morandi ha chiesto di esserci, per tributare al Patròn un particolare saluto musicale, mentre, stelle tra le stelle, in più sono arrivati i Cardigans.

 Molti artisti, pur attualmente non in promozione discografica, come Ramazzotti e lo stesso Morandi, hanno comunque voluto esere presenti. Tra le "stelle" straniere ricordiamo anche il "fenomeno" della teenager Britney Spears, la Spice Geri Halliwell, i funambolici Skunk Anansie e il ritorno dei Roxette. Il "piatto forte", e sarà così anche nelle tappe di Ascoli, Ostuni, Lignano, e nella finale in Arena a Verona (<Manca solo una firma... >) saranno comunque gli artisti italiani, <... Fortunatamente tutti fuori con i nuovi dischi>. Non manca il simpatico invito (<Anche all' ultimo momento, per il Galà di sabato>) fatto da Andrea ad Adriano celentano, vecchio "pallino" di Vittorio.

 <Il disco di Celentano va benissimo? Per vincere il Festivalbar bisogna però parteciparvi... Adriano è il benvenuto quando vuole. Glielo dico di cuore, e gli mando un saluto>. Ovviamente, è improbabile che Celentano, su due piedi, accolga l' invito, ma la sua presenza a Padova lo vedrebbe di fronte a decine di migliaia di ragazzi, giovani e meno giovani, felici di scoprirlo, ora che ha di nuovo una credibilità discografica con il successo del nuovo album. <Mai come quest' anno - spiega Andrea, con a fianco Alessia Marcuzzi e un pimpante Fiorello, presentatori "per sempre" - costruire il cast è stato semplice. Tutti avrebbero voluto dire due parole, un ricordo di mio padre. Gli tributeremo un saluto all' inizio e alla fine della trasmissione, allegro e ironico, come lui vorrebbe. Abbiamo deciso che questo Festivalbar dovesse svolgersi nella assoluta continuità, rispetto all' opera di mio padre. In Questo Mediaset è stata attenta e sensibile. Mai come quest' anno mezzi tecnici e cast sono all' altezza della situazione. Il palco di Prato della Valle, poi, è splendido!>.

 Alessia Marcuzzi e Fiorello confortano il giovane Andrea sia nel ricordo di papà Vittorio (<Gli dobbiamo moltisimo>) sia nell' intenzione di proseguire la bella avventura iniziata 35 anni fa da un giovane e intraprendete organizzatore padovano. Spiega Alessia: <Cercheremo di coinvolgere Andrea sul palco, anche se lui non vorrebbe... In questo Fiorello è bravissimo! Il Festivalbar mi è entrato nel cuore, e non scherzo se dico che mi piacerebbe farlo per sempre!>. Fiorello: <Da noi anche i cantanti sembrano più simpatici. Per ricordare Vittorio, annuncio lo slogan del Festivalbar: "L' estate inizia il 2 giugno!". Va bene?". Gli facciamo notare che, oltre ad essere la data della prima puntata televisiva, en passant è anche la Festa della Repubblica...

 Il cast definitivo e le canzoni. Pino Daniele "Neve al sole", Vasco Rossi "Rewind", Jovanotti "Per te", Zucchero "You make feel me loved", Litfiba "Il mio corpo che cambia", Laura Pausini "La mia risposta", Biagio Antonacci "Non vendermi", Anna Oxa "Camminando camminando", Renato Zero "Si sta facendo notte", Antonella Ruggiero "Controvento", Eros Ramazzotti "Più bella cosa", Gianna Nannini "Notti senza cuori", Geri Halliwell "Look at me", Anggun "Show on the Sahara", Cardigans "Erase and rewind", Britney Spears "Baby one more time", Skunk Anansie "Secretly", Roxette "wish I could fly". Tutti gli artisti, e molti altri ancora, sono presenti nelle due compilation, azzurra e rossa, in vendita da oggi.

Bruno Marzi