High School Musical interviste Il Gazzettino 2008

Milano
NOSTRO SERVIZIO
Tutti giovanissimi, o quasi. Per una singolare legge del contrappasso teatrale, tra gli allievi-attori c'è anche un vero ex professore di liceo. Si chiama Raffaele Cutolo (Ryan Evans) ha 25 anni ed è uno dei protagonisti di "High School Musical - Lo spettacolo", musical che la Compagnia della Rancia, su licenza Disney, fa esordire il 19 marzo al Teatro della Luna di Assago (Mi) per poi sbarcare al Politeama Rossetti di Trieste (www.ilrossetti.it) dal 13 al 18 maggio. Sia a Milano sia nelle date successive giorni e orari degli spettacoli sono ritagliati sulle esigenze dei giovanissimi e sulle loro famiglie.
 Chiunque abbia figli adolescenti sa perfettamente cosa sia il "fenomeno" HSM, partito dai telefilm per passare ai film e al merchandising che, sempre supervisionato con pugno di ferro dalla Disney, offre prodotti di tutti tipi per i giovanissimi: dvd, cd, giochi, vestiti (è l' italiana Bimbus leader assoluta dal '97) e una ricchissima oggettistica. Arrivato in Italia su Disney Channel, da cui proviene anche il 18enne Jacopo Sarno, ovvero Troy Bolton (il ruolo che in Usa ha consacrato Zac Efron) HSM vive oggi una trasposizione teatrale quasi ineluttabile e che negli Stati uniti sta ottenendo grande successo. La regìa italiana, a quattro mani, è di Saverio Marconi con il giovane Federico Bellone. Supervisiona il tutto il coreografo e musicista Sonny Paladino. Sul palco ci sono venti artisti/cantanti/ballerini e una band che suona dal vivo le celebri canzoni adolescenziali del format.
 Spiega Marconi: "Lo spettacolo è diverso dal film. Se possibile è più ricco. Non solo ci sono un paio di canzoni in più ma anche nuovi personaggi, come quello del deejay della radio scolastica. La struttura però è quella nota, con la caratterizzazione iniziali tra scienziati, sportivi e teatranti che alla fine si ritroveranno nell' allestimento di un "Giulietta e Romeo" che li avvicinerà all' arte. In tutto ciò vedo una buona lezione per la nostra scuola, che con storie come questa, anche se molto americana nella struttura, può stimolare i giovani spettatori/studenti affinché formulino domande e richieste ai loro insegnanti...".
 Paladino aggiunge la sua esperienza americana: "Per molti ragazzi questo musical è stata la prima esperienza in un teatro. In questo senso si tratta di un lavoro molto importante". Raffaele Cutolo ("Sono un po' carogna solo nel mio personaggio", precisa) aggiunge la sua esperienza: "A Verona ho insegnato al liceo coreutico "Buonarroti": l' unico istituto italiano ("C'è n'è un altro a Pavia", suggerisce Marconi) che applichi questa unione tra Scienza, Sport e Arte, e devo dire che i ragazzi sono molto più vicini a questo modello di apprendimento di quanto possa sembrare. Semmai sono le strutture che mancano".
 Jacopo Sarno, che è un attore fatto malgrado la giovane età, con buona esperienza televisiva proprio su Disney Channel, commenta dal suo punto di vista: "Sono all' ultimo anno del liceo classico, che per motivi di lavoro frequento la sera proprio qui a Milano. Pertanto vivo tutti i limiti della nostra scuola e allo stesso tempo vedo che le aspettative dei miei compagni di scuola sono molto alte". Chiude ancora Marconi sottolineando "l' estrema indipendenza e libertà concessa dalla Disney nella rilettura italiana dello spettacolo" e allo stesso tempo rimarcando "la grande bravura dei giovani componenti del cast". Che, ricordiamo, oltre ai tre insegnanti adulti, comprende anche un paio di ex allievi di "Amici" e alcuni reduci da spettacoli come "Grease" e "Cabaret". Perché, come ricorda il nostro migliore e più famoso regista di musical, "nessuno nasce attore di questo tipo particolare di teatro, ed è solo il lavoro serio e continuo che alla fine paga".
Bruno Marzi