Indipendent Days Festival Bologna 2004 presentazione Il Gazzettino 2004

Milano
NOSTRO SERVIZIO
Giunto alla sesta edizione, e regolarmente sold out con presenze attorno ai 40mila paganti per sera, sabato 4 e domenica 5 settembre, all' Arena Parco Nord di Bologna (la stessa dell' Mtv Day) va in scena l' "Indipendent Days Festival", vetrina del nuovo rock mondiale che vede headliners Sonic Youth, Franz Ferdinand e Libertines, questi ultimi idoli del momento, il sabato. Domenica tocca invece a Velvet Revolver, la superband formata da Slash e altri ex Guns and Roses, Darkness e Lars Fredriksen & The Bastards, progetto voluto dai Rancid. Non mancherà nemmeno la suadente Melissa Auf Der Maur, ex bassista delle Hole. Serata più dark la prima, più rock la seconda. Il biglietto costa 30 euro e l' abbonamento ai due giorni 50, più prevendita. Cancelli aperti dalle ore 10.
 L' "indipendent", insomma, è ormai diventato lo show di apertura della nuova stagione. La scelta degli artisti, in totale trenta nelle due giornate, è fatta seguendo una doppia linea storiografica e di vetrina per le novità, per certi versi sulla falsariga di "Arezzo Wave". Un po' come una versione europea del mitico, e ormai fermo, Lollapalooza americano. Ecco allora che accanto alla storica band americana dei Sonic Youth trova posto il doppio fenomeno commerciale di Franz Ferdinand e Libertines, ma anche gli europei dEUs e i Kean, già tranquillamente paragonati ai Coldplay. Ecco anche NIck Olivieri dei Queen of The Stone Age che si presenta come Mondo Generator. Una spruzzata di punk newyorkese con i Radio 4, mentre completano la giornata Tre Allegri Ragazzi Morti, Blueskins, Color of Fire, Feis, Ray Daytona e Jule's Haircut.
 Domenica. Evviva la superband, allora, per Velvet Revolver, con appunto Slash, Duff McKagan e Matt Sorum dei Gun's ma anche Scott Weiland, cantante degli Stone Temple Pilots, e Dave Kusher dei Wasted Youth. I Nostri cercano in  Europa quell' investitura ufficiale che, a quanto pare, stenta ad arrivare in Usa. I Darkness, in Italia lo scorso febbraio, funzionano dappertutto ma non da noi (sarà che preferiamo ancora Led Zep e Soci?). Dkt/MC5 presenta appunto la mitica band americana degli anni Sessanta assieme a musicisti contemporanei come l' ex Lemonheads Evan Dando. Melissa Auf Der Maur sta invece funzionando benissimo da sola, addiritura meglio della vecchia compagna di bagordi Courtney Love. Completano il cast Dirtbombs, Flogging Molly, New Found Glory, Coheed & Cambria, Yellowcard,Thee STP, Persiana Jones, Derozer, Forty Winks e Vanilla Sky. Una full immersion, insomma.
Bruno Marzi

Nella foto: MC5 & friends