Isola dei Famosi 2008 finale Il Gazzettino 2008

Milano
NOSTRO SERVIZIO
La vittoria di Vladimir Luxuria all' "Isola dei famosi" ha avuto riscontri sulla stampa di tutto il mondo, dando all' Italia un' immagine di Paese progressista e illuminato che per altre ben note vicende politico-sociali certamente non si merita. Il trans più tosto e perbene d' Italia ("ottimista e di Sinistra", citando Dalla, che però parlava di una prostituta) unitamente al "caratteriale" bidello laureato Carlo Capponi, alla "bonazza" esotica Belén Rodriguez finalista a sorpresa e all' inossidabile nuotatore Leonardo Tumiotto (che ci ha guadagnato il fidanzamento con un ex velina) ha anche portato a Raidue un risultato Auditel eclatante: 7milioni e 214mila spettatori, per uno share del 31.49 per cento che ha toccato il 64.57 a mezzanotte e quaranta, con sei milioni di spettatori che seguivano il verdetto.
 "Zelig" si è difeso benissimo (6milioni 926 e 22.96) così come "I Viceré" di Roberto Faenza su Raiuno (5milioni 138mila e 17.54) e "Chi l' ha visto" della Sciarelli su Raitre (2milioni 262mila e il 7.83) superato però sia dalla millesima replica dei "Dieci Comandamenti" su Retequattro (2milioni 603 e il 9.44) sia dalla esuberante pop-idol Hilary Duff di "Cinderella Story" su Italia Uno (2milioni 335 e l' 8.03). "Abbiamo vinto non tanto per i numeri ma per la qualità della concorrenza - spiega il direttore di Raidue Antonio Marano, a cui però Maria "la Sanguinaria" De Filippi vorrebbe contrappore il suo "Amici" alla ripresa di"X Factor" - e mi spiace per gli amici di "Zelig". Caviale, champagne e aragosta nella stessa sera è un errore".
 Ci chiediamo allora cosa sia pane e mortadella. Marano ha comunque ragione di pavoneggiarsi: "Alcuni consiglieri Rai che all' epoca avevano votato contro l' "Isola" mi hanno detto: "Avevate ragione voi". L' "isola" è per me il faro che illumina la rete. Abbiamo avuto ragione anche nell' insistere su Milano come polo tecnico e logistico". Simona Ventura, in tutina di velluto cardinalizia prima di indossare l' orribile pigiamino avorio della serata: "Non abbiamo avuto mai il tempo di gioire per i risultati della domenica con "Quelli che... " perché il lunedì fremevamo per l' "Isola". E' stata la finale più combattuta grazie anche a personaggi diversi e all' ottima prestazione in studio di Mara Venier e Luca Giurato. Avevo veramente terrore di "Zelig": è il programma preferito dai mieie figli, e poi sono tutti nostri amici. Ma noi non abbiamo avuto molta scelta... Abbiamo dato anche molto coraggio a quelli che ci avevano detto di "no" negli scorsi anni. In questo senso Luxuria è stato trasgressivo per la sua storia e non per il comportamento sull' isola. Carlo Capponi, che è piaciuto per la sua originalità, è l' unico laureato tra i concorrenti. In genrale è piaciuta una scelta diversa nel cast, anche tra i "Non famosi"".
 Il produttore di Magnolia Giorgio Gori: "I dati di ascolto testimoniano la grande vitalità del programma, particolarmente travagliato a causa di incidenti, ritiri, malattie (Ciavarro e Casella, quest' ultimo pronto a tornare, smentendo possibili azioni legali contro la Rai. Ndr) e maltempo. Avversità superate di buon grado e con grande energia. La "striscia" quotidiana e notturna, anche su Rai4 in digitale, ha superato di cinque punti il dato dell' anno scorso, menter i contatti in Rete sono aumentati da 6 a 9 volte, a seconda del tipo, con un generale 70 per cento in più e un totale di 25milioni e 700mila ingressi".
 Infine Luca Magnini. "Grande esperienza, anche se faticosissima, per via degli orari e le continue riunioni. Nei pochi momenti liberi mi sono allenato, anche se la ripresa effettiva, in vista dei Mondiali di Roma del 2009, ci sarà da gennaio. Questa avventura mi è servita molto anche per smaltire la delusione cocente delle Olimpiadi. Ho ricaricato le batterie, anche mentali".
Bruno Marzi