Ma quale Baglioni a Sanremo! Mara Redeghieri e Orietta Berti in duetto!

Ho sempre avuto un' insana passione per Mara Redeghieri former Ustmamò, e mi è spiaciuto molto che per l'uscita del suo nuovo album nel 2017 - quello del ritorno - "Recidiva" il sito non fosse ancora funzionante. Ma rimedieremo. Stesso rispetto e simpatia nutro nei confronti di Orietta Berti, accresciuta certamente ai tempi del duetto con Giorgio Faletti a Sanremo con "La barca non va più". Ecco allora che, malgrado il titolo del brano, questo gioioso e irrituale duetto per "Cupamente" - in radio da domani 15 giugno - così intriso di "emilianità" e politica (quella di una volta, delle vere Feste de' L' Unità) ci fa dire che, malgrado atteggiamenti e "primi maggi" di circostanza, gli artisti di cui mi fidavo una volta sono quelli di cui mi posso fidare ancora adesso. Copio e incollo le poche battute delle due Divine dal comunicato stampa del bravo Daniele Mignardi.

“Orietta Berti è un pezzo della mia terra, una stagione politica sana di un'Emilia ancora semplice e diretta – spiega Mara Redeghieri – Lei è tutto quello che io non sono, ha la tecnica del bel canto, è una voce che vorrei avere, una delle grandi interpreti, invulnerabile. E’ una presenza che assicura semplicità e franchezza.  E’ meglio di come sono abituata ad immaginarla: dolcissima, sicura, imperturbabile, sincera. La stimo molto e mi piacerebbe che ascoltasse le mie canzoni e se ne incapricciasse un poco”. “Prima di questo duetto non avevo mai incontrato Mara personalmente - racconta Orietta Berti - Ho scoperto una brava cantante, una brava autrice e una collega con un suo mondo musicale molto interessante da raccontare: chiaro, sagace ed immediato. Mara parla dei tempi che stiamo vivendo. Tempi duri, tempi cupi. E lo fa con uno sguardo attento e mai banale, avvolgendoti con ironia e senso della realtà. Sul piano umano è una creatura speciale. È emiliana come me, quindi legata alle tradizioni, con radici salde. Mi è sembrato come se ci conoscessimo da sempre. Mara è un simpatico folletto, capace di stupirti ogni volta. È stata una bella esperienza ma anche una piacevole sorpresa perché con questa collaborazione oggi ho un’amica in più”