Pino Mango intervista Visto Così 1999 Il Gazzettino 1999

Milano
NOSTRO SERVIZIO
Tre eccellenti artigiani della musica si incontrano, e nasce un' alchimìa di grandissimo respiro artistico. Esce oggi "Visto così", la "raccolta-non raccolta" in cui Pino Mango propone 14 tra i suoi più grandi successi di sempre, cinque dei quali completamente rifatti in studio, più due "inediti" assoluti, "Amore per te" e "Non dormire più", firmati assieme al fratello Armando con la collaborazione ai testi di un quanto mai ispirato Pasquale Panella. Il tutto permeato dai sapienti arrangiamenti di Celso Valli. In tour da luglio a settembre, con partenza da Roma il 17 e dieci musicisti in scena, Mango canterà "Amore per te" all' interno delle date ascolane del Festivalbar. Si tratta di uno degli "assi nella manica" che Andrea Salvetti non cala a Padova, ma che certamente pagherà un cospicua vincita alla finale di settembre a Verona.
 La canzone inedita del 43enne musicista di Lagonegro, infatti, sta spopolando nelle radio, e il suadente video firmato da Mauro Salesi, recentemente con Vasco Rossi, tra poco entrerà in "rotazione" sui network televisivi. Un felice esordio, insomma, con la Wea, e programmi di media e lunga scadenza molto interessanti. <Solo per fare due brani inediti - spiega Mango - ho lavorato su una cinquantina di tracce sonore. Nel cassetto ne avrò sei o settecento... Il nuovo album, con lo staff così ben rodato, sarà pronto per settembre. Più a lunga scadenza penso sempre a un grande concerto con l' Orchestra sinfonica, e i vecchi e nuovi brani del mio repertorio, mentre di sicuro non dirò più "no grazie" a una possibile esperienza nel mondo del jazz... >.
 L' incontro con Panella? Ineluttabile. <La musica di "Amore per te" c' era già, ma il testo faticava ad arrivare. Eravamo in volo per Bologna, io e Armando, quando gli è venuta una frase: "Tutto è... pensare a te". Così, appena atterrati, abbiamo chiamato Pasquale, e lui ci ha lavorato su. "Io passerei tra le tue dita, ci passerei tutta la vita" è una frase notevole... Di sicuro, il nuovo album nascerà con lo stesso spirito>. I cinque grandi successi completamente rifatti da Mango seguono una precisa logica: <Si tratta di brani antichi, che forse in origine erano ancora incompleti, come nel caso di "Oro", che allora si basava sui "sequential circuit" e sulla batteria elettronica, mentre adesso è tutto suonato da strumenti veri. "Come l' acqua" è nella nuova versione presentata nei concerti, con le quattro vocalist Farauanna, e un piccolo inserto da una canzone di Goran Bregovic. "Io nascerò" non l' avevo mai cantata, malgrado l' enorme successo della Goggi nell' 86 a Sanremo^.
 Continua: <"La rosa dell' inverno" ha un "vestito" nuovo. All' epoca nacque come una di quelle strane magìe della musica, incompleta ma perfetta. "Lei verrà", finalmente, è come l' avevo pensata in origine... >. Il suono dei brani è sempre molto riconoscibile. proprio "Lei verrà" modifica la "linea" del basso. Tutti i nuovi arrangiamenti hanno una leggera e piacevole "svolta" rock. Collaborazioni? <Sempre disponibile - conclude Mango - come recentemente per Mariella Nava. Mi piacerebbe scrivere per Moina, Dalla, Litfiba, Vasco Rossi. D' altronde è logico, perchè io, a fare questo mestiere, mi diverto ancora molto!>.
Bruno Marzi